Con l’afa che ci attanaglia, il nostro pensiero corre alle ormai imminenti vacanze.

Per la maggior parte di noi la parola vacanza è sinonimo di “dolce far niente”, niente orari, niente scadenze da rispettare, il relax è la parola d’ordine per rientrare al lavoro rigenerati e pieni di energie.

Siamo sicuri però che sia la strada giusta?

Da qualche anno, però, pare che le “working holidays” stiano prendendo piede, non solo tra i ragazzi ma anche tra i professionisti.

Un viaggio programmato per esigenze strettamente lavorative diventa più produttivo se abbinato a qualche giorno extra da dedicare al piacere.

Così negli ultimi anni, sono in aumento le cosidette «Bizcation» (business+vacation) e «Bleisure» (business+leisure) diventate le nuove tendenze per i manager di aziende in trasferta per lavoro.

Di pari passo si stanno sviluppando realtà fondate sul network  come Workaway che permettono a chi cerca nel viaggio un’esperienza per connettersi più profondamente con la destinazione e per instaurare una relazione più autentica con i locali, trova la soluzione perfetta nella formula vacanza lavoro.

 

Il blog di Workaway raccoglie molteplici testimonianze che vanno dalla coppia che gira l’Europa fornendo servizi di manutenzione e bricolage, al ragazzo sudafricano che ha coronato il suo sogno di andare in Groenlandia, occupandosi della casa e dei cani dei suoi ospiti.

E voi, che ne pensate di queste vacanze ibride?

Vi piacciono o continuate ad immaginarvi distesi sulla spiaggia a prendere il sole con un cocktail tra le mani ;-)?

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This